We've updated our Terms of Use. You can review the changes here.

Qualche parola su me stesso

from Pianura Pagana by Malnàtt

/

lyrics

amo guardare come muoiono i bambini.
l’avete mai vista la brumosa onda della risacca del riso
dietro la proboscide della tristezza?
io, invece, nella biblioteca delle strade
ho sfogliato così spesso il volume delle tombe.
la mezzanotte palpava con fradicie dita
me
e il chiuso steccato, e con la calvizie delle cupola imperlata dall’acquazzone galoppava la cattedrale impazzita.
e vedo: cristo fuggiva dall’icona, e la fanghiglia baciava in lacrime
il lembo della tunica sbattuto dal vento.
io grido contro il muro, conficco il pugnale delle parole frenetiche
nella polpa del cielo inturgidito: sole! padre mio!
abbi tu almeno pietà, non tormentarmi!
è il sangue mio da te versato che scorre sul lungo cammino.
è la mia anima in quei brandelli della lacerata nuvola
sull’arrugginita croce del campanile nel cielo riarso!
tempo! almeno tu, sciancato pittorucolo di icone,
dipingi la mia immagine nel sacrario del secolo deforme!
sono solitario come l’ultimo occhio
di un uomo in cammino verso la terra dei ciechi.

credits

from Pianura Pagana, released April 1, 2018
Music: Simone Lanzoni
Lyrics: Vladimir Majakovskij

license

all rights reserved

tags

about

Il Male Production Bologna, Italy

Il Male (The Evil) Production is an independent underground label devoted to the promotion of the most valuable underground bands of italian and international metal scene.

contact / help

Contact Il Male Production

Streaming and
Download help

Report this track or account

If you like Pianura Pagana, you may also like: